Comprendere il ruolo dei prompt in ChatGPT e in altri modelli linguistici

I modelli linguistici di intelligenza artificiale (AI) si sono rapidamente evoluti negli ultimi anni, rivoluzionando il modo in cui interagiamo con la tecnologia e trasformando numerosi settori. Un aspetto critico di questi modelli è l'uso dei prompt, che svolgono un ruolo fondamentale nella generazione dei risultati desiderati. In questo post esploreremo il ruolo dei prompt nei modelli linguistici di IA come GPT.

Come funzionano i modelli linguistici

I modelli linguistici dell'intelligenza artificiale vengono addestrati su grandi quantità di dati testuali per comprendere e generare un linguaggio simile a quello umano. Il processo di addestramento prevede due fasi principali: il pre-addestramento, durante il quale il modello impara a prevedere la parola successiva in una frase, e la messa a punto, in cui il modello viene perfezionato per eseguire compiti specifici. La tokenizzazione è un altro aspetto essenziale, in quanto suddivide il testo in unità più piccole, chiamate tokens, che vengono elaborate dal modello.


Sono stati sviluppati diversi modelli linguistici di intelligenza artificiale, con il GPT Le serie GPT-2, GPT-3 e GPT-4 sono tra le più popolari. Questi modelli, sviluppati da OpenAI, hanno dimostrato capacità impressionanti nel generare testi coerenti e contestualmente rilevanti. Altri modelli come BERT, RoBERTaI modelli Transformer e Transformer si sono fatti notare per le loro eccellenti prestazioni in vari compiti di elaborazione del linguaggio naturale.

I modelli linguistici dell'intelligenza artificiale hanno un'ampia gamma di applicazioni, tra cui:

  1. Generazione del testo: Generare articoli, storie o altre forme di contenuto scritto.
  2. Classificazione del testo: Categorizzazione del testo in base a categorie predefinite.
  3. Analisi del sentimento: Determinare il sentimento o l'emozione dietro un testo.
  4. Traduzione automatica: Tradurre un testo da una lingua all'altra.
  5. Risposta alle domande: Fornire risposte a domande basate su un determinato contesto.

Per vedere applicazioni più specifiche di modelli come GPT, consultate il nostro blog su "10 Applicazioni pratiche di ChatGPT."

Ruolo dei prompt nei modelli linguistici dell'intelligenza artificiale

I prompt sono l'input iniziale dato a un modello linguistico per guidarne la risposta. Sono fondamentali per definire il contesto e l'output desiderato del modello. I prompt possono assumere varie forme, come domande, affermazioni o frasi, a seconda del compito da svolgere.


I prompt servono come guida essenziale per i modelli linguistici in diversi modi. In primo luogo, stabiliscono il contesto della risposta del modello, assicurando che l'output sia pertinente e in linea con l'intenzione dell'utente. In secondo luogo, creando prompt specifici, gli utenti possono controllare il tipo di informazioni generate dal modello, come il formato, la lunghezza o il contenuto. Tuttavia, i suggerimenti hanno anche dei limiti. Pur essendo fondamentali per guidare i modelli di intelligenza artificiale, non sempre producono risultati perfetti. I modelli di intelligenza artificiale possono talvolta generare risultati inaspettati o irrilevanti, il che evidenzia la necessità di sperimentare e iterare quando si lavora con i prompt.


È importante notare che anche le stesse richieste possono generare risposte diverse se utilizzate con diversi modelli linguistici o addirittura con versioni aggiornate di modelli delle stesse aziende. Questa variazione si verifica perché i modelli linguistici di intelligenza artificiale sono in continua evoluzione e gli sviluppatori affinano gli algoritmi, i dati di addestramento e l'architettura generale per migliorare le prestazioni e le capacità. Di conseguenza, due modelli diversi, o anche iterazioni successive dello stesso modello, possono avere una comprensione diversa del linguaggio e del contesto. Questa diversità di risposte evidenzia l'importanza di adattare e sperimentare i prompt per ottenere il risultato desiderato quando si lavora con modelli linguistici diversi o con versioni aggiornate di modelli esistenti.

La creazione di prompt efficaci è un aspetto fondamentale del lavoro con i modelli linguistici. I suggerimenti chiari e specifici portano a risposte più accurate e pertinenti, in quanto forniscono al modello un contesto ben definito per generare output. D'altro canto, suggerimenti ambigui o aperti possono incoraggiare il modello a generare risposte creative, anche se a volte possono dare luogo a risultati meno mirati. Per creare suggerimenti efficaci, è fondamentale impegnarsi nella sperimentazione e nell'iterazione, testando vari approcci e perfezionando i suggerimenti in base ai risultati ottenuti. Questo processo di tentativi ed errori consente agli utenti di trovare i suggerimenti più adatti alle loro esigenze e ai loro obiettivi specifici.


Per saperne di più sull'ingegneria tempestiva, consultate il nostro precedente blog su "Che cos'è l'Ingegneria Prompt?"

Tecniche per migliorare l'efficacia del prompt

L'ingegneria dei prompt è una tecnica che prevede la progettazione e il perfezionamento dei prompt per ottenere risultati ottimali dai modelli linguistici dell'intelligenza artificiale. Questo concetto sottolinea l'importanza di comprendere il comportamento del modello e di regolare i prompt di conseguenza. Ecco alcuni esempi e casi di studio:

  1. Suggerimento iterativo: Suddividere una domanda complessa in richieste più piccole e semplici per guidare la risposta del modello in modo più efficace.

  2. Istruzioni specifiche: Includere istruzioni o vincoli specifici nel prompt per modellare l'output, ad esempio chiedendo un elenco di elementi o una spiegazione passo-passo.

  3. Sperimentare diversi stili di prompt: Variare lo stile della richiesta, ad esempio utilizzando domande, affermazioni o toni colloquiali, può influire sulla qualità e sulla pertinenza della risposta.

L'addestramento personalizzato e la messa a punto possono aiutare ad adattare il comportamento dei modelli linguistici dell'intelligenza artificiale in modo che si allineino meglio ai requisiti dell'utente. Addestrando il modello su un dominio o un set di dati specifici, gli utenti possono migliorare le prestazioni del modello nel generare risposte contestualmente appropriate e accurate. Questo approccio è particolarmente utile quando si lavora con argomenti di nicchia o compiti specializzati.

L'addestramento e la messa a punto personalizzati non solo migliorano le prestazioni del modello linguistico dell'intelligenza artificiale, ma consentono anche alle aziende di creare un'esperienza più mirata e personalizzata. Con set di dati sufficientemente ampi e un budget sufficiente, queste aziende potrebbero utilizzare l'addestramento e la messa a punto personalizzati per creare output che riproducano il loro tono e stile.


*Tenete d'occhio il nostro futuro blog sulla creazione di prompt efficaci, che fornirà una proposta passo passo per i migliori modelli linguistici come GPT.

Considerazioni etiche sui suggerimenti e sui modelli linguistici

Poiché i modelli linguistici dell'IA diventano sempre più sofisticati, è fondamentale affrontare le considerazioni etiche che emergono quando si utilizzano i prompt per guidare i risultati del modello. Per garantire un uso responsabile dell'IA è necessario trovare un equilibrio tra lo sfruttamento della potenza di questi modelli e la mitigazione dei rischi potenziali.

I modelli linguistici dell'intelligenza artificiale sono addestrati su grandi quantità di dati testuali, che spesso contengono pregiudizi e stereotipi presenti nel mondo reale. Di conseguenza, questi modelli possono inavvertitamente perpetuare questi pregiudizi nei risultati generati. Per risolvere questo problema, è essenziale creare suggerimenti che incoraggino il modello AI a generare contenuti equi, imparziali e inclusivi. Inoltre, gli sviluppatori dovrebbero continuare a lavorare per perfezionare il processo di addestramento e gli algoritmi per ridurre i pregiudizi nei modelli linguistici dell'IA.

Ad esempio, OpenAI si è affidata ai suoi 100 milioni di utenti e ai suoi punti di feedback per aiutare a identificare distorsioni e risultati indesiderati. Ma è importante notare che i nuovi arrivati in questo settore non hanno lo stesso accesso a questa quantità di dati.

Quando si utilizzano i prompt per guidare i modelli linguistici dell'intelligenza artificiale, gli utenti devono anche essere cauti nel divulgare informazioni sensibili o di identificazione personale (PII). Questo è particolarmente importante quando si lavora con piattaforme condivise o API pubbliche. Per proteggere la privacy, gli utenti dovrebbero evitare di usare dati sensibili come prompt o considerare l'uso di dati anonimizzati come input.

Sfruttare appieno il potenziale dei suggerimenti

I prompt svolgono un ruolo cruciale nel guidare l'output di modelli linguistici di intelligenza artificiale come il GPT. Comprendere l'importanza dei prompt, crearne di efficaci e utilizzare tecniche per migliorarne l'efficacia può migliorare significativamente le prestazioni di questi modelli. Poiché i modelli linguistici di intelligenza artificiale continuano a evolversi e a migliorare, è essenziale che gli utenti sperimentino diversi prompt e imparino dalle loro interazioni per sfruttare appieno il potenziale di questi potenti strumenti.

La creazione di prompt efficaci è un aspetto fondamentale del lavoro con i modelli linguistici. I suggerimenti chiari e specifici portano a risposte più accurate e pertinenti, in quanto forniscono al modello un contesto ben definito per generare output. D'altro canto, suggerimenti ambigui o aperti possono incoraggiare il modello a generare risposte creative, anche se a volte possono dare luogo a risultati meno mirati. Per creare suggerimenti efficaci, è fondamentale impegnarsi nella sperimentazione e nell'iterazione, testando vari approcci e perfezionando i suggerimenti in base ai risultati ottenuti. Questo processo di tentativi ed errori consente agli utenti di trovare i suggerimenti più adatti alle loro esigenze e ai loro obiettivi specifici.

I prompt servono come guida essenziale per i modelli linguistici in diversi modi. In primo luogo, stabiliscono il contesto della risposta del modello, assicurando che l'output sia pertinente e in linea con l'intenzione dell'utente. In secondo luogo, creando prompt specifici, gli utenti possono controllare il tipo di informazioni generate dal modello, come il formato, la lunghezza o il contenuto.

Tuttavia, i suggerimenti hanno anche dei limiti. Pur essendo fondamentali per guidare i modelli di intelligenza artificiale, non sempre producono risultati perfetti. A volte, i modelli di intelligenza artificiale possono generare risultati inaspettati o irrilevanti, il che evidenzia la necessità di sperimentare e iterare quando si lavora con i prompt. Per questo motivo, la beta di OpenAI con 100 milioni di utenti si è rivelata cruciale per dare un vantaggio all'azienda, in quanto ha avuto accesso a miliardi di query e punti di feedback. Questo ha aiutato l'azienda a perfezionare i risultati del modello e ad anticipare di molto i concorrenti, come è emerso quando l'amministratore delegato di Google ha mostrato il modello Bard di Google e ha ottenuto un risultato negativo inaspettato, facendo crollare il prezzo delle azioni il giorno stesso.

it_ITItaliano